loader image

news

Ottenere risultati desiderati con la gluteoplastica mini invasiva: Cosa aspettarsi?

Quando le pazienti si avvicinano per discutere della gluteoplastica mini invasiva con tecnica sottomuscolare, è comune che manifestino curiosità riguardo ai risultati che possono attendersi da questo intervento. È importante chiarire fin da subito che la gluteoplastica mini invasiva non mira a un significativo aumento delle dimensioni. Questo perché, mediante l’inserimento della protesi al di sotto del muscolo grande gluteo, con rispetto totale dell’integrità muscolare, lo spazio disponibile rimane limitato.

Spesso mi viene chiesto se, oltre a migliorare il volume, sia possibile correggere anche eventuali zone vuote. In alcuni casi, con la gluteoplastica mini invasiva, è possibile spostare leggermente le protesi per correggere questi vuoti, ma ciò è vincolato dalle dimensioni della tasca anatomica.

In generale, i risultati attesi dalla gluteoplastica mini invasiva sono stabili e naturali, simili a quelli che si potrebbero ottenere con l’esercizio fisico mirato. È importante sottolineare che il principale limite di questa tecnica è proprio la limitazione delle dimensioni.

Anche se è possibile lavorare sui vuoti laterali, è essenziale comprendere che il vincolo delle dimensioni della tasca anatomica resta invariato. Tuttavia, questo piccolo compromesso è compensato da numerosi vantaggi, tra cui la rapidità dell’intervento – che dura solo poche decine di minuti – e la possibilità per la paziente di tornare a casa lo stesso giorno dell’intervento. Inoltre, è possibile riprendere l’attività sportiva in un lasso di tempo relativamente breve, solitamente entro un paio di settimane.

In conclusione, mentre la gluteoplastica mini invasiva potrebbe non portare a un drastico cambiamento dimensionale, offre risultati stabili, naturali e la possibilità di ritornare alle normali attività quotidiane in tempi rapidi. È importante discutere in dettaglio con il chirurgo plastico per comprendere appieno cosa aspettarsi da questo intervento.

condividi su
Condividi su facebook
Condividi su email
Play Video
Play Video